Posts Tagged ‘ t-shirt ’

Il 27 maggio a Milano si parla di #magliette.

mottolese, t-shirts

Vieni a parlare di magliette?

Arriva un momento in cui tutto quello che sai lo devi riversare ad altri, affinchè sia utile, se utile è stato in passato per te. Amare le magliette come veicolo di contenuti, come manifesto del pensiero, come tadzebao politico, come pagina bianca sulla quale scrivere ciò che credi, come marmo sul quale incidere, insomma, se la maglietta può significare “lasciare il segno”, ecco, perchè no, pochi minuti di racconto possono essere tanto.

E allora ne parleremo insieme a Milano di questo media anomalo, pop e indistruttibile. Di questo capo di abbigliamento molto più smart e intelligente di quanto si voglia far credere . La t-shirt parla di te ma parla anche molto di sè. La maglietta può essere poesia e cazzotto, può essere uno sguardo furtivo, può provocare la lotta.

Venite ad ascoltare questa storia. Non ve ne pentirete.

(M.M. per newsfromtshirts)

 

t-shirt

La maglietta è, come dice qui, bella e intelligente. Si riferisce a sè stessa…

 

METAL-MERCHANDISING – ECCO A COSA SERVE LANDINI: A VENDERE LA FELPA ROSSA CON LA SCRITTA FIOM – ONLINE “SONO MOLTO RICHIESTE”

landini, camusso

Le vie delle T-shirt sono infinite

 

La felpa Fiom va online. L’idea di vendere attraverso internet uno dei prodotti più identitari del merchandising italiano viene discussa in queste settimane dai vertici dei metalmeccanici della Cgil. «Non si tratta certo di un business. Vendiamo le felpe praticamente a prezzo di costo. È vero però che sono diventate molto richieste e c’è anche un mercato di scambi», rivela il segretario organizzativo Enzo Masini.

sindacato

Non male nera e rossa…

Tutto ebbe inizio quattro anni fa quando la Fiom nazionale decise di far produrre in Italia («è un requisito fondamentale », precisa Masini) un certo numero di felpe rosse con la grande scritta bianca Fiom. Per un paradosso della cronaca ripetevano quelle inventate da Lapo Elkann con la grande scritta Fiat.

Ma quante se ne smerciano in un anno? «A livello nazionale dovrebbero essere circa 5.000», dice Masini. A seconda delle regioni (e della maggiore o minore distanza dalle aziende che le producono) le felpe costano tra i 20 e i 25 euro. «Raccogliamo gli ordini e quando ne abbiamo un certo quantitativo le facciamo produrre», racconta Vergnano. Si chiama “time to market”, uno dei criteri base della produzione automobilistica. Non è l’unico punto di contatto con l’industria automobilistica.

camusso, landini

Scajola invece scelse la felpata FIAT. Altri tempi…

«Dopo i primi anni, c’è stata una flessione nelle richieste — dicono alla Fiom di Torino — perché, ovviamente, nessuno cambia una felpa all’anno». Mercato saturo? Ecco che arriva quello di sostituzione: «Molti ci chiedono felpe con particolari sempre nuovi e diversi».

Per restare nella metafora automobilistica, anche le felpe hanno l’abs. «In ogni caso — conclude Vergnano — si tratta sempre di un oggetto identitario, si indossa alle manifestazioni ma è più difficile che venga indossato nel tempo libero o addirittura per andare al lavoro, dove può anche essere rischioso». Brand identitario? Il sogno di ogni pubblicitario. Allora perché non vendere a un prezzo più alto? «Perché siamo un sindacato, non Armani ».

 «Le felpe rosse andarono via in fretta », ricorda Valter Vergnano della Fiom torinese. Da allora ogni federazione provinciale ha iniziato a fare da sé producendo felpe di ogni foggia e colore. «Hanno cominciato gli emiliani con la felpa nera e la scritta rossa. Qualcuno dei nostri ha visto le immagini di Landini che la indossava — ricorda oggi Vergnano — e ha chiesto di averla. È scattato un classico meccanismo di emulazione e oggi noi a Torino ne vendiamo tre o quattro tipi diversi».

Paolo Griseri per “la Repubblica

Mi abbracci? La T-shirt manda segnali…Moda tecnologica: la maglietta che ti abbraccia e la borsa che ti parla

1381894_10201738805244431_1721626611_n

il vecchio modo di farsi abbracciare da una t-shirt.

Trame di led rendono gli abiti scintillanti, sulla borsa compaiono scritte scorrevoli comandabili attraverso lo smartphone e con una maglietta si può ricevere la sensazione di un abbraccio da una persona che sta dall’altra parte del mondo –
I tessuti si illuminano, sulle borse compaiono scritte scorrevoli comandate da smartphone, capi interattivi. È la nuova frontiera della moda che si abbina alla tecnologia e che giovedì sfila all’auditorium di Roma nell’ambito del Maker Faire.

CuteCircuit dal cuore italiano
La società di moda CuteCircuit realizza abiti innovativi e li vende in tutto il mondo. L’azienda ha sede a Londra, ma l’hanno fondata la stilista italiana Francesca Rosella e l’americano Ryan Getz. Insieme hanno disegnato capi che sembrano fantascientifici.  La loro Hug T-Shirt (la maglietta degli abbracci) è stata premiata come una delle migliori invenzioni dell’anno da Time Magazine.

Hug T-shirt, migliore invenzione dell’anno
La maglietta degli abbracci ha dei sensori che registrano dove si tocca e per quanto tempo, questi dati vengono poi inviati tramite un’applicazione e attivano i sensori di un’altra maglietta. Chi indossa la T-Shirt ricevente avrà la sensazione di essere toccato. “E così” – dice Francesca Rossella – “posso inviare una pacca sulla spalla alla mia migliore amica anche se sta dall’altra parte del mondo”.

La borsa che ‘parla’
E poi ci sono gli abiti scintillanti, il tailleur da ufficio che si trasforma in abito per la serata grazie alle trame al led attivabili da smartphone e una borsa ‘parlante’. Sempre attraverso un cellulare posso addirittura far comparire sulla pochette i tweet o frasi che descrivono l’umore.

Dress Galaxy esposto a Chicago
Questi capi fantascientifici non sono inarrivabili, CuteCircuit ha infatti una collezione prét-à-porter con abiti che vanno dai 200 ai 5mila euro. L’ultima creazione  della società è invece in mostra presso il Museo della Scienza e dell’Industria di Chicago come parte della mostra Fastforward ed è stata addirittura acquisita per la collezione permanente del museo: l’abito si chiama Dress Galaxy ed è il più grande schermo indossabile al mondo. –

di Paola Cutini

Ecco la riprova che dietro ogni #maglietta c’è una notizia.

gayet

Più che di super eroi qui si parla di super furbe?

 

Torniamo per un attimo su Hollande e Gayet non per aggiungere qualcosa allo tsunami mediatico della vicenda  (dunque non solo  per Berlusconi l’ attenzione internazionale per gli affaires di cuore e di sesso…) ma solo per sottolineare che lo slogan del nostro blog: ” dietro ogni maglietta c’è una notizia e dietro ogni notizia c’è una maglietta”  ci appare oggi quantomai vero. Chi mai avrebbe potuto dire che una frase spiritosa apparsa sulla t-shirt dell’attrice (fotografata in tempi non sospetti) poteva effettivamente anticipare il tema dello scandalo? Certo, considerare il Presidente francese un super eroe è decisamente una forzatura però, allo stesso tempo, è evidente che questa rampante attrice d’oltralpe sa quello che vuole, e non da poco tempo.E lo dichiarava pubblicamente indossando il suo fine… Hollande non è un super eroe, e non ha certamente le “physique du role” però è il Presidente di una Repubblica presidenziale, e che Repubblica! Insomma Julie ce lo aveva anticipato il suo percorso, lo aveva indicato con una semplice e spiritosa maglietta nascondendo, dietro questa, la vera notizia in arrivo.

E ora che nessuno ci prenda per pazzi. La maglietta anticipa, spiega. La maglietta vive e lotta insieme a noi!

(Marco Mottolese per newsfromtshirts)

Tunicula Seraphica, in libreria le t-shirt ispirate a San Francesco e Sant’Agostino : CHI LE ACQUISTA PUÒ SCARICARE GRATUITAMENTE I TESTI DEI GRANDI PENSATORI DELLA STORIA CRISTIANA IN FORMATO E-BOOK E PDF

san francesco

Il mondo è un libro e questa maglietta lo dimostra.

 

Sono magliette, ma si chiamano “ Tunicula” . Era questa l’espressione che i Romani
usavano per definire questi pratici indumenti a T, piccole tuniche, destinate
soprattutto ai più giovani, da usarsi nei mesi caldi e dunque concepite ben 2000 anni
prima che in America si vantassero di averle inventate. Oggi Edicart Style, forte del
grande successo ottenuto quest’anno con la formula delle t-shirt “ PickaBook” ,
(maglietta + ebook) ripropone la formula “ Magliette da leggere, libri da indossare ”
concentrando l’attenzione sulle opere più importanti di San Francesco d’Assisi e
Sant’Agostino.

antichi romani

La “maglietta”, come la vedevano i romani

 

Le t-shirt Tunicola Seraphica consentiranno a chi le acquisterà di scaricare in pochi
secondi e gratuitamente in formato elettronico grandi classici del pensiero religioso
semplicemente inquadrando con uno smartphone o un tablet il QR Code stampato
sulla maglietta e importando nel proprio dispositivo l’e-book (o il pdf ) del volume a
cui fa riferimento la t-shirt. In catalogo “Il cantico delle creature”, “Lettera ai reggitori
di popoli” e “La Regola Bollata” di San Francesco, “Leggenda Major” di Bonaventura
di Bagnoregio e “Le confessioni” di Sant’Agostino.
“Seraphica Civitas ” è il motto che contraddistingue la città di Assisi e che testimonia il legame con i valori francescani. E proprio Papa Francesco ha recentemente identificato nei principali testi dei due Santi a cui si ispirano le Tunicola Seraphica ( e oggi, grazie a lui, autentici best seller in libreria), il riferimento costante della sua azione e delle sue meditazioni quotidiane.

legenda major

Una maglietta best-seller

 

La linea Tunicola Seraphica , che comprenderà anche shopper, tazze all’americana e magneti intonati al tema, sbarcherà a fine novembre nelle principali librerie italiane, oltre che nelle cartolibrerie, nelle stazioni di servizio in autostrada, negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie. La distribuzione è affidata alle Edizioni Dehoniane di Bologna.

http://www.magliettefresche.com

 

Meno 5 a #Natale. Consigli per gli acquisti 3. T-shirts, t-shirt…

tunicula donna libro

Una valigia piena di appunti, di vecchie carte e ricordi. Dopo anni ancora da sistemare. Nella testa e nelle scatole. Una valigia sul letto che è quella di un lungo viaggio. È il viaggio della vita, che è già di per se un percorso, ma per conoscere c’è bisogno del confronto, con il nuovo, il diverso, l’al di là del muro. Vivere è un viaggio dentro e fuori di noi, perché fermarsi alla prima pagina? E poi leggere le “Confessioni” di Sant’Agostino è emozione puramente natalizia…

1488299_185417038329236_594279867_nE perchè non regalarsi una borsa dei Characters del momento? Un pò nuovi un pò #vintage. Caccia in libreria per chi ancora le trova…

cantico

Dicono che si tratti solo di una moda, impegniamoci per far cambiare loro idea. Il bio è una filosofia, un modo di essere e uno stile di vita, non la pubblicità di uno yogurt. Un pensiero che definiamo nuovo ma che ha quasi mille anni, l’epoca in cui visse San Francesco. E il suo Cantico non è che questo, ringraziare il Signore (o chi preferite…) per la sua opera, il mondo che ci circonda e la sua bellezza. Ringraziare e difendere, con le parole di una preghiera, con l’immagine di un albero su una tshirt.

T-shirt: http://www.magliettefresche.com

Per trovarle: http://www.magliettefresche.com/i-negozi

Fitzgerald, Francis Scott – Il grande Gatsby – #eBook in italiano gratis

grande gatsby

Una maglietta “cult”

 

Ebook gratuito che fa parte della collezione PickaBook di Edicart e Magliettefresche, alla quale ha collaborato anche la redazione di http://www.bachecaebookgratis.com

Questo romanzo , capolavoro di Fitzgerald, non manca ancora oggi di entusiasmare i lettori, attratti e allo stesso tempo confusi da un personaggio così complesso, enigmatico e misterioso come il protagonista: Jay Gatsby.
Gatsby è ricchissimo, tanto conosciuto nelle alte sfere di New York da essere considerato quasi un mito, una leggenda. Il suo nome è sinonimo di ricchezza e di successo. Egli ha tutto, ma drammaticamente egli vive la mancanza di un’unica cosa: l’amore della donna che ama.

Lingua: italiano.
Formati: PDF ed ePub.

Read more: http://www.bachecaebookgratis.com/2013/09/fitzgerald-francis-scott-il-grande.html#ixzz2eWdCucsr

 

maglietta: http://www.magliettefresche.com

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: