Posts Tagged ‘ Ruby ’

Da Ruby a Noemi, tutte le tavole del Presidente.

Come tutte...

Queste tavole cadono proprio a fagiolo. Dopo il danno della caduta del Governo, la beffa arriva con lo snowboard. Le nuove tavole targate Bastard si chiamano Ruby 152, Noemi 155 e Nicole 159 e ogni riferimento a fatti o persone non è affatto casuale.

La presunta nipote di Mubarak, la diciottenne ultrarifatta e la sua compagna di lifting fanno bella mostra di sé grazie nella serie President di Bastard, disegnata da Ricky Fiorentini.

Roba da intenditori, vista la tecnologia sandwich con shape twin-tip, stance centrale e camber tradizionale 80% + 20% rocker nelle zone vicine alla punta e alla coda ma anche da newcomer visto che sono presciolinate e pronte per l’uso.

Dove le trovo? Bastard Store
Quanto costano? 490 euro

So nice...

 

FABRIZIO O “FURBIZIO”? CORONA….STA PER SCOPPIARE IL FINIMONDO…

Telefoni bollenti per Fabrizio?

DAGOREPORT LA VEDE COSI…(da : Dagospia)

UNA DENUNCIA CHE PUZZA DI BRUCIATO: “QUELLO CHE HO SUBITO NON È UN FURTO, CHI È ENTRATO NELLA MIA AGENZIA CERCAVA FOTO DI BERLUSCONI NUDO. NON È UN CASO CHE CHI È ENTRATO NELLA MIA AGENZIA ABBIA LASCIATO SOLDI E ASSEGNI E SI SIA PORTATO VIA L’ARCHIVIO SEGRETO E GLI HARD DISK. PRIMA CHE MI SUCCEDA QUALCOSA DI PIÙ GRAVE, ANDRÒ IN TELEVISIONE E DIRÒ TUTTO E SARÀ MOLTO PESANTE” – 2- IRIS: “POTREMMO RUBARE UNA SUA FOTO DA GIOVANE E VENDERLA A QUALCHE SUO FANS” – 3- LA PROCURA DI MILANO: “NESSUNA FOTO DEL PREMIER NUDO” – I LEGALI DEL CAVALIER POMPETTA: “SE ESISTONO, SONO TAROCCATE” – E RUBY CAMBIA ANCORA DIFENSORE –

Insomma, viene naturale pensare che con la storia del Rubygate siamo solo agli inizi. I poteri, se davvero forti, si muovono nell’ombra.

 

Vedremo.

M.M. per newsfromtshirts

 

Elio dedica ‘Money’ alle ragazze dell’Olgettina.

Indimenticabile disco e copertina

Elio e le storie tese hanno scomodato i Pink Floyd per la nuova canzone parodia sul caso Ruby – Berlusconi. A ‘Parla con me’, la band milanese ha rivisitato ‘Money’, un brano adatto per raccontare i soldi che girano tra le ragazze dell’Olgettina. Tra i protagonisti del testo, non potevano mancare, l’avvocato Spinelli, Lele Mora ed Emilio Fede, sempre pronti a dividersi la torta.

Forse solo Elio poteva in Italia cantare e ri-arrangiare Money dei Pink Floyd; non solo: utilizzarla per fare critica politica e satira; ovviamente proporla in inglese e, con i suoi, suonarla in modo fantastico. (Sentire, per credere, il mitico assolo riproposto con gran classe  dal chitarrista…). Una bellissima confezione. Un prodotto per tutte le età…un ottimo metodo di unire il sacro al profano. E di farsi pubblicità “buona” sul web, ovviamente. E altrimenti dove? La tribuna più vasta e duratura sta diventando questa ed Elio ringiovanisce ogni giorno. Brav0,bravi!

(Marco Mottolese per newsfromtshirts)

Rocco23: la storia di un pornodivo che diventò stilista

Per chi non la conoscesse Rocco23 è la linea di abbigliamento ideata da Rocco Siffredi che sta spopolando su internet.

Il segreto del suo successo? L’attualità dei temi trattati e la notorietà del suo stilista…

E così Rocco23 ne inventa un’altra. Dopo la maglietta sul papi di Hardcore ecco che arriva “Tu Ruby io no” e “Mr Bunga Bunga” ad infiammare l’e-commerce delle t-shirt più vendute.

E chi meglio di Rocco Siffredi, il pornoattore piu famoso di Italia, poteva ideare questa linea?  Forse in un clima di bulli e pupe come mai nella storia di Italia anche un amateur come Rocco Siffredi si sente minacciato nella sua professione…e come dargli torto? Prima per sentire parlare di sesso si doveva aspettare la mezzanotte e inoltrarsi nei canali regionali aspettando che qualche donnina sponsorizzasse il suo telefono erotico, oggi basta aprire le prime pagine di giornali…in un clima così competitivo anche i pornoattori trovano nuovi impieghi.

Bravo Rocco!

per maggiori informazioni e per comprare le magliette visitate il sito Rocco23.com

 

Sara Vecchiarelli

News from T-shirts

Le 14 ragazze a Milano Due: «Per loro case e regali».

Senza parole...

Vivono tutte in un palazzo di «Milano Due», trasformato in una sorta di quartier generale. Ragazze bellissime ricompensate con molti soldi e con abitazioni di lusso in uno degli stabili di via Olgettina 65, a due passi dall’ospedale San Raffaele, nel quartiere che lui stesso ha creato negli anni 70. Appartamenti che Silvio Berlusconi ha ceduto in comodato d’uso alle ragazze che poi ospitava alle serate organizzate nella sua residenza di Arcore. È stata Ruby a raccontarlo nel suo interrogatorio del 3 agosto e le verifiche effettuate dalla polizia hanno confermato che ad occuparsi di tutte loro era la consigliera regionale del Pdl in Lombardia Nicole Minetti mentre alle spese provvedeva Giuseppe Spinelli, il ragioniere che secondo i magistrati era «il fiduciario del presidente e risulta ricoprire vari ruoli in diverse società della holding». Alcune sono diventate famose partecipando a programmi e reality show di Mediaset. Altre attendono la giusta occasione e intanto accettano con entusiasmo gli inviti del capo del governo. In tutto sono quattordici, ma la lista potrebbe anche allungarsi. Ieri, quando i poliziotti hanno perquisito le loro case hanno trovato – oltre a numerosi giochini erotici – gioielli, foulard di seta, borse e vestiti griffati, gadget del Milan dedicati allo stesso Berlusconi, in particolare un orologio rossonero con la dedica «al presidente Silvio campione del mondo». C’era una busta con i biglietti per la partita Milan-Real Madrid indirizzata a Emilio Fede ma regalati a una di loro. Ma sono altre le buste ad aver destato l’interesse degli investigatori: contengono infatti la prova dei versamenti in contanti che oscillano tra i mille e cinquemila euro, oltre a numerose banconote di grosso taglio, anche cinquecento euro.

segue (….)  Fonte: corriere.it

E cosa dovrebbe dire il terriunciello oggi?  Viulenza, viulenza….Abatantuono, il Disney della Brianza, la cenerentola della Lombardia….leggete sopra che organizzazione. Al Silvio il vecchio Al (Capone…) gli avrebbe fatto una…..Se mettiamo insieme tutto il tempo passato da Silvio ad occuparsi dei fatti suoi beh, diciamo che in 17 anni per il Paese, come dice lui, avrà lavorato sì e no 40 minuti….

Incredibile.

M.M. per newsfromtshirts

Legali del premier: mai sesso tra Ruby e Berlusconi ( e chi lo ha mai messo in dubbio…?)

E' piuttosto questo il misterioso amante...leggete la maglietta.

In una notizia di agenzia si assume che il presidente Berlusconi avrebbe avuto rapporti sessuali con Ruby quand’era minorenne. L’assunto è palesemente destituito di ogni fondamento. Come risulta dalle stesse dichiarazioni della ragazza e dalle puntuali indagini difensive svolte in merito sulla vicenda”. Gli avvocati Longo e Ghedini hanno poi concluso “Qualsiasi illazione sul punto, dunque, è destinata ad essere totalmente smentita da dati fattuali”.

Questa la precisazione degli avvocati del premier in merito alla notizia che vede Berlusconi indagato per prostituzione minorile, per avere avuto rapporti sessuali con la giovane Ruby.

Fonte: http://www.italia-news.it

(Ruby mi rende felice, dice la maglietta. Mentre a noi Berlusconi, i suoi, l’opposizione, i “terzi poli”, ci rendono in-felici…pensano a loro; pensano ad attaccarsi l’un con l’altro. Ma quando mai lavoreranno sui gravi problemi di questo passaggio secolare che , alla fine, è arrivato davvero?).  Ed eccoci qui,invece, a parlare di Ruby, rubacuori. Na giovane zoccola, direbbero a Napoli. Che ha risolto, perlomeno, i suoi, di problemi. Che noia…)

M.M. per newsfromtshirts

«Meglio le belle ragazze che essere gay»

Alcuni sono gay; stacci!

MILANO – Una «tempesta di carta». Dal Salone del ciclo e motociclo alla Fiera di Milano, Silvio Berlusconi minimizza così sul caso Ruby. E lo fa anche con parole che innescano immediatamente la miccia delle polemiche. «Sono fatto così da sempre – spiega -: qualche volta mi capita di guardare in faccia una bella ragazza, ma è meglio essere appassionato di belle ragazze che gay». «Ho un problemino – aveva detto poco prima parlando sempre della marocchina ospite delle feste ad Arcore -, avrei da sistemare una certa Ruby in uno di questi stand….».

ATTACCO AI MEDIA – Approfittando del riferimento alla neo-maggiorenne, il premier torna ad attaccare i media («i giornali vi imbrogliano» dice alla platea) e a rassicurare chi lo ascolta sul buono stato di salute del governo e sul fatto che i numeri per arrivare a fine legislatura ci sono. A dispetto «degli attacchi che arrivano da parte di giornali ed editorialisti sul governo che non ha le idee chiare e non otterrebbe risultati, la realtà è che anche in quest’ultimo vertice europeo a Bruxelles abbiamo fatto un mare di gol» afferma il presidente del Consiglio. Di media Berlusconi parla anche nel nuovo libro di Bruno Vespa. «La Rai – secondo il presidente del Consiglio – è ancora saldamente nelle mani dei partiti della sinistra». Quanto a Sky, «è un colosso mondiale e oggi ha tutte le simpatie della sinistra perché è un concorrente di Mediaset».

INTERCETTAZIONI – Non solo Ruby, dunque. A Milano il premier annuncia tra le altre cose che il governo ha intenzione di presentare di nuovo in Parlamento una legge sulle intercettazioni. «Questo tema è nel cuore degli italiani: abbiamo dei sondaggi che lo dicono» spiega Berlusconi, anticipando che la legge si baserà su tre punti: «l’utilizzo di questo strumento dovrà essere limitato al terrorismo internazionale, alle organizzazioni criminali, alla pedofilia e agli omicidi; le intercettazioni non potranno essere prodotte come prove né dalla accusa né dalla difesa; chi pubblicherà il testo di intercettazioni dovrà subire un fermo del suo media da 3 a 30 giorni».

VISITA TRA GLI STAND – Il Cavaliere spiega che quella alla Fiera di Milano è stata una visita a sorpresa. «Sono riuscito a spostare un impegno internazionale per essere qui» afferma. Dopo un lungo intervento che ha affrontato i nodi della più stringente attualità, dal caso Ruby ai rifiuti che campeggiano ancora nelle strade di Napoli, Berlusconi ha preso la via degli stand per una visita al Salone, con soste, tra gli altri, allo stand della Ducati e della Brembo. Difficile avvicinare il premier, circondato da un imponente cordone di forze dell’ordine. Per Berlusconi non è una novità la visita dell’esposizione mondiale delle due ruote dato che, come è stato ricordato più volte, «è un amico del Salone.

Fonte: redazione online corriere.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: