Archive for the ‘ Economia ’ Category

PICKaBOOK, una smart news dalla tecnologia indossabile.

packaging

La classica maglietta-libro

Si dice che il 2013 verrà ricordato come l’anno della “tecnologia indossabile”. Al lancio sul mercato di prodotti dalle aspettative fortissime a livello globale, come gli occhiali Google Glass o l’orologio Apple iWatch, si aggiunge un nuovo accessorio, apparentemente semplice ma dalle grandi potenzialità: le t-shirt “Pick a Book”.

qrcode

Chissà se Rimbaud ha mai immaginato di diventare “maglietta”.

Le nuove t-shirt Pick-a-book verranno presentate al Salone del Libro di Torino, che inizierà giovedì 16 maggio. In arrivo, nelle librerie, tante magliette coloratissime, ispirate ai classici della letteratura: Dante, Seneca, Rimbaud, Scott Fitzgerald, Jane Austen, Joseph Conrad e tanti altri. E non solo parole: anche immagini tratte dai capolavori della street art e tecnologia QRcode per scaricare subito un ebook gratis in forma integrale!

magliette_pickabook02

E’ così che anche le vecchie t-shirt letterarie si evolvono alla smart generation, con questo nuovo originale concept! E tornano alla ribalta, dalla mente dell’originario creatore di Parole di Cotone, Marco Mottolese, che propone, in collaborazione con Gruppo Edicart e Magliette Fresche, la nuova collezione Pick-a-book.

In questa speciale biblioteca di cotone, le novità proposte sono molto interessanti: le stampe provengono direttamente dal mondo della Street Art, con stencil, disegni e graffiti. Su ogni maglietta è poi presente un QR code, che basterà inquadrare nel proprio smartphone per accedere alla pagina ufficiale dell’iniziativa, da dove sarà possibile scaricare gratuitamente il libro, citato nella t-shirt, in versione e-Pub o pdf! Il nuovo esperimento editoriale di Pick a book sembra essere una buona fusion di influenze culturali, dalla letteratura senza tempo, ai classici della modernità, dalle ultimissime opere di arte urbana, agli ultimi metodi hi-tech di download e lettura digitale. Tutto all’insegna dell’ibrido: una maglietta da leggere, una biblioteca digitale da indossare, una citazione letteraria da scaricare, un graffito stampato su cotone! Nelle librerie, saranno disponibili anche delle fantastiche shopper, per portare sempre con sé libri, agende e quaderni, ma soprattutto i propri autori preferiti.

L’articolo è stato scritto da Manuela Raganati per http://www.iphoneitalia.com

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

#Birra, #elezioni e malintesi.

bersani

Facciamoci una birra: prima o dopo?

 

“Prima si vota, poi si beve. Non come le altre volte”.

No, non è una battuta tratta dallo show di Crozza, ma la scritta che campeggia sui manifesti pubblicitari di Ceres. Sì, Ceres intesa come marca di birra. Perché l’azienda ha deciso di puntare, per la sua ultima campagna, proprio sulle elezioni del 24 e 25 febbraio. Il messaggio, chiaramente rivolto a un pubblico giovane, è chiaro: andate a votare e fatelo con raziocinio, perché, come recita lo slogan, “l’Italia ha bisogno di eroi”.

birra per tutti

Tutto fa …birra, anche le elezioni.

 

Una pubblicità che colpisce nel segno (e, infatti, siam qui a parlarne) per almeno 3 motivi:

1. si lega a un fatto di attualità, o meglio a “il” fatto di attualità intorno al quale ruota, ormai da settimane, gran parte del dibattito pubblico, e non solo;

2. esprime una presa di posizione rispetto a un ambito diverso da quello strettamente commerciale, in quanto invita esplicitamente a non astenersi. Un aspetto tanto più importante per un target, come quello giovane, che, dai sondaggi, mostra un’elevata propensione all’astensione;

3. l’affermazione “prima si vota, poi si beve. Non come le altre volte” comporta una chiara implicazione: in passato gli elettori si sono comportati come fossero ubriachi, con poca lucidità… Un riferimento, neppure tanto velato, all’ubriacatura del berlusconismo?

Certo, non è detto che l’invito al voto di Ceres si traduca in un reale incremento del numero di giovani che andranno ai seggi. Anzi, leggendo i commenti al video a supporto della campagna, postato anche sulla pagina Facebook dell’azienda, parrebbe il contrario. C’è chi (anche se pare incredibile) ha scritto che non sapeva neppure che si andasse a votare e chi si scatena con commenti del genere “i politici sono tutti ladri!”

birra

Vuota Bavaria, geniale.

Resta da capire come nasca il sodalizio tra la birra e la politica. Perché Ceres non è l’unica a cavalcare l’onda elettorale. Anche Bavaria, nell’ultima campagna, fa riferimento al voto imminente e propone giochi di parole, come “- tasse, + casse” oppure “dal magna magna al bevi bevi”.

bersani - sappino

Ma non è che si riferissero a questo scatto?

t-shirt: www.magliettefresche.it

Fonte:Anna Zinola per  http://www.linkiesta.it

 

That Freckled Girl in a T-Shirt and Jeans Is Your Typical Mac User.

Wow, what a girl!

Wow, what a girl!

 

The typical Mac user is a freckled woman in a T-shirt and jeans.

At least, that’s the most likely Mac user according to research from BlueStacks. She has also got a two-in-five chance of wearing glasses and a 15 percent chance of sporting a ponytail.

“We’ve created a monster,” said BlueStacks marketing VP John Gargiulo. “But she is a very cute monster.”

A year ago, BlueStacks did the same thing with Android users, creating a portrait of Mr. Android as a nerdy guy in jeans.

The release of the portrait comes as BlueStacks is entering beta for software that lets Android programs run on Macs. The company has similar software for Windows PCs.

Up here is BlueStacks’ full look at Ms. Mac.

Source: http://allthingsd.com

 

La #birra tiene lontani dal raffreddore. ( Notizia notevole di questi tempi…)

Sani e salvi con una birra...

Sani e salvi con una birra…

 

Nella birra si nasconde una molecola che può sconfiggere il raffreddore e altri malanni invernali, soprattutto nei più giovani. La scoperta si deve a un team di ricercatori giapponesi della Sapporo Medical University che hanno individuato l’azione di una sostanza presente nel luppolo, l’umulone, che se assunto in grandi quantità agisce come un potente scudo contro i virus. Virus banali, come quelli del raffreddore, ma anche più insidiosi come quelli che possono provocare polmoniti e bronchiti nei giovani.

 I ricercatori hanno, infatti, dimostrato che l’estratto del luppolo è efficace contro il Virus respiratorio sinciziale umano, un agente patogeno che “può causare polmonite grave e difficoltà respiratorie per i neonati e nei bambini, ma per il quale nessuna vaccinazione è al momento disponibile”, spiega Jun Fuchimoto, ricercatore della Sapporo Breweries, un’azienda giapponese che produce birra e ha commissionato la ricerca. Attenzione, però, avverte Fuchimoto, per avere gli effetti antivirali un uomo dovrebbe bere circa 30 bottiglie di birra da 350 ml per consumare la quantità di umulone necessaria. Per questo, i ricercatori stanno cercando di introdurre l’umulone in prodotti alimentari, non solo bevande, efficaci contro i virus.

E comunque, fatte le doverose raccomandazioni per evitare il consumo eccessivo di alcol, la birra sta dando grandi soddisfazioni alla comunità scientifica. Ricercatori dell’Ecole Polytechnique Federale di Losanna (Svizzera) e del Weill Cornell Medical College di New York (Stati Uniti) hanno scoperto che un altro ingrediente delle bionde, il nicotinamide riboside, difficile da trovare in natura e ancora più difficile da sintetizzare in laboratorio, sembra giocare un ruolo nella prevenzione dell’obesità e persino contro il diabete.

T-shirt: www.magliettefresche.it

Fonte: http://salute24.ilsole24ore.com

Imprenditore Usa (indossa T-shirt sponsorizzate) vende il cognome all’asta per raccogliere capitali .

#IWearYourShirt.

#IWearYourShirt.

Chiamatelo pazzo o chiamare geniale ma Jason Sadler, 30 anni, ha inventato un nuovo modo per fare soldi. Sadler, che vive a Jacksonville, in Florida, dal 2009 si guadagna da vivere indossando T-shirt con il logo sponsorizzato che veicola massicciamente sui social network. La sua società si chiama Il Sole 24 Ore – leggi su http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-12-10/imprenditore-difficolta-vende-proprio-201400.shtml?uuid=AbF6jsAH

Il sorridente Jason...un tadzebao vivente

Il sorridente Jason…un tadzebao vivente

Fonte: http://www.ilsole24ore.com

Naomi Campbell disegna T-shirt per beneficenza.

La Venere Nera raccoglie fondi per la sua Fashion For Relief.

Naomi Campbell ha chiamato a raccolta cinque celebri stilisti per concretizzare una linea esclusiva di T-shirt per sostenere la sua charity Fashion For Relief, riuscendo a mettere insieme ben sei bozzetti.

La famosissima ex top model, Phillip Lim, Dolce & Gabbana, Masha Ma, Moschino e Qiu Hao sono infatti stati reclutati da Yoox.com in occasione del lancio in Cina per realizzare delle magliette unisex che saranno vendute attraverso la celebre piattaforma di vendita online al prezzo di 27 euro circa. Una parte dei proventi delle vendite sarà devoluta a Fashion For Relief, l’organizazzione no profit della Campbell.

«Ogni T-shirt trae ispirazione dalla tradizione e l’ambientazione cinesi, rispecchiando al tempo stesso lo stile personale di ogni stilista: quella realizzata da Phillip Lim, ad esempio, riporta la scritta “Rouge” decorata con un motivo floreale che ricorda la sua nuova collezione Primavera 2013, mentre quella di Meschino raffigura un cuore rosso con la firma “Moschina”», ha osservato il sito Fashionologie.com.

Le sei T-shirt sono già disponibili sul sito Yoox.com.

Fonte: http://www.bluewin.ch/

Internet: arriva “DateTheMillionaire”, social network della ‘bella gente’ . #idee

La maglietta di ordinanza di coloro che accederanno al nuovo social network…

 

Sbarca in Italia DateTheMillionaire.com “il social network piu’ esclusivo, con foto e informazioni personali, ma con ingresso riservato ai soli appartenenti al club”. Gli aspiranti membri subiranno un’attenta selezione, poiche’ i promotori mirano ad aggregare “soltanto” quella che definiscono “la bella gente”. Per far parte degli “happy few” si paga una quota di iscrizione. Lo comunica DateTheMillionaire.com, in una nota. Scopo del social network, spiegano i promotori, e’ “consentire lo scambio di informazioni, facilitare la ricerca di un partner per una relazione formale o informale o per un amicizia e promuovere quindi gli incontri tra le persone”, ma “contrariamente ai siti d’incontri tradizionali che di solito sono sovraffollati poiche’ l’iscrizione avviene senza una cernita iniziale, DateTheMillionaire.com seleziona i propri iscritti in base a criteri ben precisi”. Ogni domanda di ammissione, spiega la societa’, “viene valutata attentamente. Lo scopo e’ quello di mantenere un adeguato standard di qualita’ e proprio per questo motivo i responsabili del portale DateTheMillionaire.com esaminano l’attendibilita’ delle fotografie e dei dati e fanno una piccola ricerca online prima di inserire nel proprio network un nuovo membro”.

Fonte: http://www.adnkronos.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: