Dove c’è casa, c’è #Mussolini. Alessandra.

Mussolini

Il mulino bianco ancora dopo anni identifica la famiglia. Che grande campagna fu, questa della Barilla.

Il nonno di Alessandra, Benito, alle famiglie ci teneva, e molto. Infatti ne aveva più di una. Ma il Duce voleva un Italia che non andasse “a puttane” e dunque si impegnò per rafforzarla e modernizzarla, alleandosi con i tedeschi…

Detto questo non è la Storia che ci interessa ma, come sempre, la “maglietta”. ( Chiaramente qui in un contesto di photoshop).  Oggi abbiamo ricevuto questa che vediamo  qui in alto ed abbiamo elaborato dei piccoli pensieri perchè, come sempre, l’utilizzo delle t-shirt “parlanti” ci fa pensare.

Intanto ci è apparsa mirabile l’equazione famiglia=mulino bianco. Più che altro perchè quella è una campagna pubblicitaria che ormai data vent’anni ma a distanza di così tanto tempo ancora identifica la “finta” famiglia italiana. Un grande fake che avanza e del quale non riusciamo a liberarci.

E pensando al creativo che ha voluto ideare questa maglietta (che non sappiamo neanche se mai qualcuno  indosserà o se effettivamente verrà prodotta) ci siamo chiesti:

1) quanti anni avrà l’ideatore della t-shirt?

2) è un consumatore Barilla?

3) avrà pensato, facendola, a quante simbologie ha messo insieme?

Questo perchè, tralasciando per un attimo l’incidente in corso al marito della Mussolini, quel Floriani  che si professa comunque ignaro e innocente (ed è suo diritto sentirsi tale sino a prova contraria) non dobbiamo però dimenticare che il signor Barilla non molto tempo fa fu distrutto pubblicamente avendo dichiarato che i suoi prodotti non erano certo pensati per quella commistione pericolosa che risponde al nome di “coppia gay”.

E allora il creativo che ha concepito questa maglietta o è un super doppiogiochista lucido e ironico al limite del parossismo oppure è un ignaro/ignorante, che ancora crede che il mulino bianco rappresenti un valore da contrapporre alla filosofia di coloro che vanno a puttane, il luogo del demonio.

A noi sembra una modesta e triste maglietta,  non solo non indossabile e brutta ma anche inutile, perchè invendibile persino alla Barilla che mai e poi mai approverebbe un lay-out del genere quantomeno per la “gravissima” parolaccia che ne è contenuta. Non si può delocalizzare così un simbolo immarscescibile dell’Italia pulita…Il Mulino Bianco è studiato come “case history” nelle facoltà di marketing.

Però (c’è il però) ci piace che una maglietta, vera o virtuale che sia, faccia discutere, sia elemento virale,  trasformandosi in testimonial di una notizia di cronaca e ci confermi, come sempre, che: ” dietro ogni notizia c’è sempre una maglietta e dietro ogni maglietta c’è sempre una notizia”. A volte da censurare.

(Marco Mottolese per newsfromtshirts)

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: