Bigottismo scatenato da #magliette: cose che succedono negli #Usa.

porno , soft

Una maglietta da ritirare dal mercato?

 

Negli Stati Uniti succede anche questo: una mamma, accompagnata dal figlio di diciotto anni (!) in un centro commerciale, vede magliette di questo stile, si infuria e decide di acquistarle tutte. Proprio tutte. Va dal direttore del centro commerciale e chiede di ritirare (pagando poco meno di 600 dollari) tutte le magliette presenti nel negozio e facenti parte della medesima collezione , sempre dello stilista Van Styles…

Judy Cox, così si chiama la signora, urla che queste t-shirts sono “indecent”. Devono sparire…Tutto questo accade ad Orem nell’ Utah una cittadina molto tradizionalista e dove i suoi 90.000 abitanti si fregiano del motto ” Family City USA”. E non accettano immagini sessualmente esplicite, incoraggiando i ragazzi della comunità a vestire in maniera modesta e discreta.

 

magliette

Che scandalo!

Insomma , come sempre le magliette non mancano di fare scandalo…anche quando lo scandalo non è la maglietta ma bensì la mentalità retrograda di cittadini americani più quaccheri che contemporanei.

(Marco Mottolese per newsfromtshirts)

 

 

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: