Ma come si fa a dire la verita? Il caso #Snowden

obama

Bel problema Mr. Snowden

Al di là di tutto quello che sta succedendo tra Mosca, Ecuador e la Casa Bianca; al di là di ogni implicazione politica, siamo rimasti colpiti dalla  biografia di Snowden:  http://temi.repubblica.it/limes/edward-snowden-ritratto-di-una-spia-pentita/48523 nonchè da una frase detta dal padre di Edward : Snowden e’ persona ”con un forte senso di quello che e’ giusto o sbagliato. Deve aver trovato qualcosa che lo ha veramente disturbato per spingersi cosi’ in avanti”.

Spingersi così avanti” in sostanza vuole significare DIRE LA VERITA’, spingersi avanti come istinto a non barare, a non mentire. E’ un piccola dichiarazione piena di contenuti e, forse, doppi sensi, a pensarci e rileggerla bene.  Seguire Snowden nelle sue peripezie simili in parte a quelle di Tom Hanks nel film airport è nulla difronte alla enormità di “tradire” il proprio paese, la propria tranquillità e fottersi la vita per un irrefrenabile (e improvviso) istinto a raccontare quello che si sa.

Per questo ci è venuto in mente Pinocchio (ben rappresentato in questa maglietta che ne contiene l’intero testo grazie al qr code) e la battaglia simbolica del burattino per far finta che la verità sia la bugia o comunque un’altra rispetto a quella che si racconta, e quell’intralcio assurdo del naso che non ti fa nascondere. Quel naso è, a dire di Snowden senior, il senso di ciò che è giusto e di ciò che è sbagliato.

Edward Snowden forse non aveva calcolato il rinculo pazzesco del suo “dire la verità” oppure nessuno gli ha mai insegnato fino in fondo a “dire le cose come stanno al momento opportuno” oppure è un kamikaze della trasparenza che però, come un vetro, nel momento in cui si materializza, ferisce principalmente lui.

E la domanda torna, e magari andrebbe girata al padre di Edward  ( a questo punto il vero propulsore di questo “incidente” mondiale che mai e poi mai poteva immaginare)  perchè appare chiaro che, mentre insegnava al piccolo Snowden a dire la verità , faceva contemporaneamente sì che il bambino recepisse allo stesso tempo sia come nasconderla che come renderla apparente.

In questo dualismo che tutti può tangere il dramma di un giovane che vivrà braccato avendoci inoltre messo la faccia.

Caro Edward, nessuno sa come “dire la verità” e tu sei il più illustre testimonial di questo dubbio che spesso ci avvolge e che fa preferire la bugia, come se davanti ad una medicina si preferisse la malattia.

(Marco Mottolese per newsfromtshirts)

T-Shirt: http://www.magliettefresche.it

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: