Fenomeno “Dead Drops”: i file si scambiano via usb sui muri.

maglietta

Einstein lo sapeva che saremmo arrivati a questo…

Arriva anche in Italia la nuova street art 2.0 che passa attraverso i muri. Foto, musica e testi sono condivisi in forma anonima attraverso chiavette usb sparse in tutto il mondo.

Dead Drop era il metodo di spionaggio con cui due persone si scambiavano oggetti o documenti segreti depositati in un luogo pubblico concordato in precedenza. Lo scambio avveniva in forma anonima e senza che le due spie si incontrassero. Da questo sistema è nato nel 2010 il progetto dell’artista tedesco Aram Bartholl, quando durante un soggiorno a New York, decide di installare le prime cinque memorie flash USB tra le fessure dei muri della città. Da allora le chiavette usb cementate sono diventate migliaia, sparse in tutto il mondo, e uno speciale registro online ne rileva la posizione esatta, la capienza e la data di creazione. Al momento quelle registrate sono 1.121 per un totale di 5924 gigabyte.

L’obiettivo delle Dead Drops è quello di favorire la condivisione di contenuti tra i cittadini e per farlo non serve altro che un portatile. Non ci sono password e non è richiesto alcun plugin o cavo; una volta identificata la Dead Drop basta collegarsi ad essa e il gioco è fatto. Chiunque può scaricare e caricare a sua volta ogni tipo di file, come immagini, documenti o filmati. Il tutto senza che gli utenti si incontrino o identifichino mai, dal momento che non è possibile risalire a chi ha creato, caricato e diffuso i contenuti.

Questa nuova street art 2.0 si è diffusa anche in Italia, dove sono già state istallate 62 chiavette. Creare la propria Dead Drop è semplicissimo e chiunque può farlo purché rispetti quanto sancito nel Manifesto: la chiave usb deve essere situata in uno spazio pubblico, non deve essere troppo visibile e deve contenere il file testuale del Movimento al suo interno.

Un aspetto importante da non trascurare è però la sicurezza. Tra i file condivisi potrebbe infatti annidarsi un virus con il rischio di infettare il proprio computer. È bene quindi eseguire sempre una scansione del dispositivo con il proprio antivirus prima di accedervi.

T-shirt: http://www.magliettefresche.it

Guarda il video: http://www.ustation.it/giuliabarbanera/weblog/2439-fenomeno-adead-dropsa-i-file-si-scambiano-via-usb-sui-muri.html#.UXBf7i7tTrM.twitter

Giulia Barbanera http://www.ustation.it

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: