Un web segreto per le attività illecite.(Molto se ne parla …ma chi ci è mai arrivato?)

Prima o poi la polizia sarà dentro Internet...e gli investigatori alla Perry Mason faranno le arringhe on line..

 

Finora le più grandi inchieste giudiziarie e giornalistiche si sono basate su un assioma: inseguire il denaro. La maggior parte dei reati commessi dalla criminalità organizzata, infatti, non può essere svelata se non si riesce a risalire all’origine del movimento di denaro che da essi si è avviato.
“Follow the money” è il suggerimento della gola profonda che portò Bob Woodward e Carl Bernstein a scoprire il Watergate.
Ma oggi questo non è più possibile, o per lo meno è diventato molto più difficile. La criminalità organizzata, infatti, con l’aiuto delle nuove tecnologie, ha trovato un modo per farla franca inventando una valuta virtuale che impedisce l’identificazione di chi effettua i pagamenti illegali.

La polizia inglese lo ha spiegato a Channel 4: su internet il livello di libertà e assenza di controllo è tale da avere una doppia faccia. Da una parte, grazie a Google, Facebook, Twitter, i siti web e le testate on line tutti hanno la possibilità di accedere a un numero infinito di informazioni, liberamente e spesso gratuitamente. Dall’altra, però, esiste una rete parallela, segreta, alla quale si accede con un programma apposito, che permette di non lasciare tracce telematiche e che spesso viene utilizzata dalla criminalità organizzata a livello internazionale.

Uno studio del 2001 condotto da Michael Bergam, dell’Università di Santa Barbara, in California, già 11 anni fa nel web c’erano dati 500 volte superiori a quelli presenti nel web pubblico che tutti conosciamo. Naturalmente non si tratta soltanto di dati criminali. Alcuni siti dell’internet segreto sono semplicemente dei tentativi, o delle pagine private. Ma molti, invece, sono dei veri e propri negozi on line dell’illegale. Passaporti falsi, droga, materiale pornografico, strumenti per clonare carte di credito.
Uno di questi siti è il Silk Road, una sorta di eBay (con feedback e commenti sulle transazioni e sui venditori ed acquirenti) dove è possibile acquistare di tutto, ma, come segnalato dal sito Gawker, che si è specializzato in droghe. Marijuana, ecstasy, hashish, oppiacei. 340 articoli pronti per essere acquistati e spediti in tutto il mondo. Qualcosa però non viene venduto: un annuncio vieta chiaramente il commercio di strumenti per commettere omicidi e armi di distruzione di massa.

Nel mondo parallelo del web segreto dal 2009 i pagamenti possono essere effettuati tramite una valuta virtuale, i Bitcoins, indipendenti, non influenzati dall’inflazione e generati automaticamente da una serie di computer in rete tra di loro. E soprattutto in grado di impedire assolutamente l’identificazione del loro proprietario. I bitcoins, infatti, possono essere usati una sola volta.
Ottenere bitcoins è semplice: esistono dei siti appositi, come Intersango, dove, con una carta di credito si possono acquistare monete virtuali (un bitcoin costa quasi 4 euro). Una volta scaricati i bitcoins e scaricato il programma per entrare nel web segreto, il gioco è fatto. Si può comprare di tutto senza lasciare traccia, aggirando polizia e banche.

I movimenti economici generati dai bitcoins ancora non sono molti. A livello mondiale si parla di 57 milioni di dollari annui, ma il loro valore è diminuito nettamente nel 2011, a causa di gravi errori tecnici. Insomma, forse per il momento non è il caso di preoccuparsi troppo, perché gran parte del denaro da riciclare passa oggi, ancora per le banche. Ma nel futuro? Come si potrà evitare la proliferazione di questa internet sotterranea?
Per ora il pericolo maggiore è rappresentato comunque da questi bazar virtuali che spesso offrono a basso prezzo materiale pornografico che potrebbe essere frutto di violenze e abusi.

Fonte: http://www.iljournal.it

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: