Se il sesso è una malattia.

Pubblicità progresso, messaggi sui pacchetti di sigarette, campagne di informazione varie; la Società ci mette in guardia da più di una dipendenza ma a volte dimentica quella dal Sesso.

Attenzione, sessodipendente...

Una dipendenza è una dipendenza. Che sia da alcool, droga, cibo, gioco d’azzardo poco importa, ciò che conta è individuarla, capirne le origini e curarla. Per fare ciò rendersi conto di essere malati, o avere qualcuno accanto che se ne renda conto, è fondamentale. In questo processo, ovviamente, l’informazione ha un ruolo primario perché per guardarsi le spalle da quella che è una vera e propria malattia bisogna innanzitutto conoscerla.
È quindi davvero importante che si sappia che un italiano su dieci è malato di sesso, una patologia che di solito è associata solo a VIP come Michael Douglas, Tiger Woods o Charlie Sheen o al massimo a casi limite come quello portato al cinema da Michael Fassbender con Shame, e che invece riguarda la nostra realtà più da vicino. Non si tratta di allarmismo, ma di un pericolo reale, dati alla mano. Infatti Chiara Simonelli, docente di psicologia dello sviluppo sessuale alla Sapienza di Roma, ha dichiarato: “Abbiamo condotto uno studio in parallelo con colleghi svedesi su 400 connazionali e altrettanti nord-europei, uomini e donne. Scoprendo che circa il 10% è sessomaniaco, e il 20% ha comportamenti a rischio […] Abbiamo visto infatti che, in una popolazione giovane e molto attiva online, per ogni donna ‘drogata di sesso’ ci sono quattro uomini con lo stesso problema. E se questi ultimi ricorrono molto più spesso a strumenti come riviste e film hard, le prime prediligono decisamente le chat room”.
La ricerca del sesso per queste persone è una vera e propria mania che impedisce loro di vivere in maniera normale le loro giornate compromettendo seriamente le dinamiche relazionali e sociali perché non fa alcuna differenza se il sesso è o non è presente nelle mura di casa: non basta mai. Ovviamente un articolo come questo non contribuirà ad aiutare nessuno ma è importante che si cominci a parlare del problema in modo serio, senza il pudore o il chiacchiericcio che il sesso a volte porta con sé. Abbiamo imparato a proteggerci da molte dipendenze solo dopo che le abbiamo etichettate in quanto tali. Anche in questo caso la conoscenza è e rimarrà l’unica arma vincente.

Fonte: http://donna.libero.it

 

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: