Roma, raduno internazionale di neofascisti Il proclama: “Riconquistiamo l’Europa”.

La nostalgia può talvolta evolvere in manifestazioni di carattere patologico.

 

Sono arrivati da tutta Europa, chiamati a raccolta da una formazione neofascista italiana, attraverso un appello fatto circolare sul web. Skinhead e camerati riuniti, sabato pomeriggio, nella sala di un’associazione culturale, a poche centinaia di metri dalle Mura Vaticane, per lanciare e presentare ufficialmente il loro “coordinamento europeo”, nel nome di Miki Mantakas. Allo studente greco di destra, assassinato a Roma nel 1975, è dedicato questo “primo incontro internazionale”, che ha un obiettivo ambizioso: “la riconquista dell’Europa”. L’assise nera è stata organizzata dal Movimento sociale per l’Europa (MSE), formazione di estrema destra ospitata nell’ex sezione dell’MSI Prati, in via Ottaviano 9, ma che è molto attiva sul web (grazie a canali Facebook, Twitter e Youtube) e che sta puntando a fare proseliti soprattutto fra i giovani. Per promuovere questo summit neofascista, i simpatizzanti dell’MSE da giorni hanno tappezzato alcuni muri del quartiere Prati di manifesti, con il logo e l’indirizzo del sito. Ed è proprio dalla rete che è partita questa chiamata alle armi, per liberare l’Europa “dalle oligarchie finanziarie transnazionali”. All’appello hanno risposto circa cento persone.
Appuntamento alle 17 a due passi dal Vaticano, in via Caracciolo, nella sede di un’associazione culturale, a poche centinaia di metri da un circolo del Prc. Sempre nel quartiere Prati, ma in via Cicerone, nelle stesse ore del convegno dell’MSE, Forza Nuova ha organizzato un altro incontro, al quale ha invitato


il fondatore del movimento dei Forconi, Martino Morsello, titolo: “Dalla rivolta popolare alla sovranità monetaria”.  Parlano in due luoghi diversi, ma pubblico e argomenti di discussione, sotto molti aspetti, coincidono, così come pure gli obiettivi. Gli skinhead arrivano alla spicciolata dalle prime ore del pomeriggio. La sicurezza è stata organizzata in maniera militaresca: il perimetro dell’incontro è presidiato da vere e proprie vedette. L’aver pubblicizzato l’evento anche sui social network li rende possibili obiettivi di contestazioni. Che, però, non ci saranno. Nella sala, davanti alla bandiera rosso-bianco-nera del partito (stessi colori della bandiera nazista), ci sono  –  secondo quanto riferiscono alcuni presenti  –  i temibili francesi di Troisième Voie (Terza via), un movimento di estrema destra noto per le sue posizioni anti-americane, anti-comuniste e antisemite. Lo guida Serge Ayoub, l’ex leader degli skinhead di Parigi. E non sono gli unici.
Sono state invitate anche delegazioni dei gruppi del Movimento sociale Repubblicano spagnolo (MSR), la cui ideologia è fondata sulla politica della destra sociale, con ispirazioni terzoposizioniste e del nazionalismo rivoluzionario. Ma non mancano i greci (di “Patria Hellas”), i belgi di “Euro-Rus” e una delegazione di “Corsica Patria Nostra”. Tra i relatori figura Luca Romagnoli, segretario nazionale della Fiamma Tricolore, arrivato a “benedire” le mire europeiste dei giovani fascisti romani. L’età dei partecipanti varia: dai ragazzi minorenni, felpe con celtica in vista, agli ultracinquantenni. Alcuni skin si coprono la testa con berretti neri. Il saluto del legionario è quello più comune. “L’Europa, la nostra Europa  –  ha esordito Fabio, uno dei relatori  –  si trova probabilmente sul crinale più critico che la storia le abbia fino ad ora tributato. Gli attacchi filosofici e religiosi che l’hanno vista diventare un campo di guerra sono oggi diventati così melliflui e sorprendentemente insiti al pensiero dominante da far entrare in profonda crisi l’esistenza stessa e la tenuta dell’intera Europa. E’ stata snaturata la sua essenza, per colpa di politici senza più voglia di lottare per affermare i propri credo e disposti a vendersi anche l’anima. Siamo chiamati, così come furono chiamati per alcuni i propri genitori e per altri i propri nonni, a combattere ancora un nuovo nemico, proveniente dal più oscuro Paese del mondo: quello legato alle oligarchie finanziarie transnazionali”.
“L’Europa appartiene a noi” il titolo di un incontro, segnato anche dal desiderio di ricompattare la destra estrema italiana. Un concetto spiegato da Romagnoli: “L’immaginare come partecipare alle sorti della nostra nazione ha fatto prendere a tanti, in perfetta buona fede, delle strade diverse, che vanno rispettate. Con alcuni di voi magari siamo stati anche insieme in passato, chissà, forse torneremo ad essere ancora insieme perché credo che i sentimenti e le aspirazioni che abbiamo siano comuni”. “Noi speravamo nascesse un’altra Europa: un’Europa delle nazioni, un’Europa che si svincolasse da un giogo internazionale estraneo ad essa che imponeva e continua ad imporre delle regole, dei modi di vita ed una dipendenza politica strategica e militare che francamente noi non volevamo e continuiamo a non volere  –  ha aggiunto – Quando è caduto il muro di Berlino abbiamo creduto che l’Europa avrebbe potuto riguadagnare il suo ruolo di faro della civiltà che ha avuto per secoli, ma il controllo strategico dell’Europa occidentale è rimasto globalmente nelle mani degli Stati Uniti”. L’MSE, intanto, ha già iniziato a lavorare alla riaggregazione di varie realtà della destra estrema romana. I loro manifesti sono stati affissi accanto a quelli di “Lotta Europea”, formazione con sede sempre in via di Ottaviano 9. Ma collaborano anche con “Roma-Nord”, che nella capitale ha recentemente firmato alcuni blitz contro Equitalia e le banche. A queste ultime  –  un leitmotiv che gli estremisti di destra ripetono come un mantra – viene imputata una crisi che, adesso, è utilizzata come un collante per riunire e dare nuovo vigore ai neofascisti e alla loro campagna di proselitismo. “E’ tempo di tornare. Il mondo ha bisogno di Europa. L’Europa ha bisogno di te”, è lo slogan con il quale si conclude il lo “spot” della conferenza internazionale, diffuso su Youtube dall’MSE. 1

Fonte: Marco Pasqua per Repubblica.it

 

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: