Benzina, politica e canone Rai: le spese più odiate dagli italiani.

Il 20% degli interpellati non ha alcuna voglia di spendere i propri soldi (canone) in un servizio che, nonostante le promesse di miglioramento, rimane piuttosto scarso. Fiorello con quel monoscopio "addosso" non puoi essere il..."più amato dagli italiani..." !

 
Si dice che i soldi non facciano la felicità. Eppure ora come ora, visto il periodo di profonda crisi con cui ci troviamo a fare i conti, molti italiani sarebbero forse più felici se quei soldi potessero tenerli al sicuro nei loro portafogli. SuperMoney – portale leader in Italia per la comparazione di prodotti assicurativi e bancari e di tariffe di telefonia ed energia – ha svolto un sondaggio su un campione di circa 1.000 utenti e ha scoperto quali sono le spese che meno piacciono agli italiani.

Il prezzo della benzina, che ha ormai raggiunto livelli allarmanti, occupa il primo posto tra i costi più detestati con circa il 40% dei voti. Gli automobilisti che proprio non possono rinunciare all’utilizzo della quattro ruote non sopportano che il prezzo del carburante abbia sfiorato i due euro al litro. A seguire troviamo gli stipendi dei politici, considerati opportunisti e dotati di poca coerenza nelle loro decisioni: il 25% circa degli utenti che hanno risposto al sondaggio non sopporta di dover pagare “lo stipendio dei politici voltagabbana”.

Medaglia di bronzo spetta invece al canone Rai: SuperMoney registra il malcontento degli italiani anche nel settore della comunicazione pubblica. Il 20% degli interpellati non ha alcuna voglia di spendere i propri soldi in un servizio che, nonostante le promesse di miglioramento, rimane piuttosto scarso. Il restante 15% ha optato per risposte alternative, tra le quali spicca quella relativa alle “tasse ingiuste”, che troppo gravano sulle tasche degli italiani.

Questa settimana è atteso il via libera al decreto sulle liberalizzazioni e SuperMoney continua ad indagare tra i pareri degli italiani. Un nuovo sondaggio, disponibile sulla fan page di SuperMoney su Facebook chiede: “Siamo tutti contro i privilegi. E tu, chi butteresti dalla torre?”. Ovviamente tra le opzioni di risposta sono presenti le categorie travolte dalla bufera delle liberalizzazioni, taxisti, notai e farmacisti, ma chi vuole può aggiungere la categoria che vorrebbe “buttare dalla torre”. Gli italiani sono liberi di sfogarsi.
 
Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: