Roma: Indignati travestiti da Monti e Merkel bloccano le vie del centro storico e “assaltano” il Colosseo.

La "divisa" degli "indignati"

 

Domenica difficile per il traffico nel centro storico della capitale, a causa di una manifestazione non autorizzata degli Indignados. I giovani hanno improvvisato un corteo in via dei Fori Imperiali, poi altri assembramenti e sit-in a macchia di leopardo. A causa del disordine nel traffico che ne è derivato, i vigili urbani hanno dovuto interdire il passaggio dei mezzi pubblici in via del Corso, che è stata chiusa. I bus stati deviati in via Nazionale.

 «CARNEVALE DEL SISTEMA» – Il corteo degli indignati nelle vie del centro storico era stato improvvisato per dare inizio al cosiddetto «Carnevale del sistema»: circa 200 persone, con i volti coperti da maschere tra cui quelle del presidente del consiglio Mario Monti, del presidente francese Nicolas Sarkozy e della cancelliera tedesca Angela Merkel (attesi il 20 gennaio a Roma in visita ufficiale per l’incontro trilaterale), erano partite da piazza San Giovanni intorno alle 14, dirette a piazza del Popolo. Un gruppo di manifestanti ha raggiunto via del Tritone quindi, attraverso via Due Macelli, piazza di Spagna e via del Babuino: in piazza Mignanelli gli indignati si sono arrampicati su due statue alla base dell’obelisco. Tensione con la polizia.

 IRRUZIONE AL COLOSSEO – Alcuni degli indignados, arrivati davanti al Colosseo, hanno scavalcato i cancelli del monumento e sono entrati per alcuni minuti. Poi i quattro ragazzi si sono riuniti alla carovana e hanno ripreso la marcia. Disordini senza incidenti di rilievo si sono verificati un tutto il centro di Roma, in particolare nel quadrante corso Vittorio-via del Corso-largo Argentina-piazza Venezia. Qualche momento di tensione in due diverse occasioni si è avuto con la polizia che cercava di arginare le intemperanze di parte dei manifestanti, ma non ci sono stati danneggiamenti né vandalismi. 

 BANCHE E MCDONALD’S – Nel corso della manifestazione e del corteo non autorizzato gli indignati hanno sostato davanti a numerose sedi dibanche, tra cui la Popolare del lazio, la Popolare di Verona e la Deutsche Bank, ma senza danneggiare alcuna struttura. Momenti di confusione quando vicino a piazza di Spagna hanno fatto irruzione in un McDonald’s: tanto rumore ma anche qui nessun vandalismo; solo un manifesto incollato sulla vetrina.

ALEMANNO CONTRO IL CORTEO – Il sindaco di Roma ha chiesto alle autorità competenti «di intervenire immediatamente per bloccare questa manifestazione non autorizzata che sta creando problemi in vari punti della città». Nel rivolgersi alle forze dell’ordine e ai romani, Guianni Alemanno ha sottolineato che «Non basta autodefinirsi indignados per poter bloccare impunemente strade, fare incursioni nel Colosseo, creare difficoltà e fastidi ai cittadini romani».

t-shirt: www.magliettefresche.it

 Fonte: http://roma.corriere.it

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: