Sanremo 2, Il Professor Vecchioni,un Apicella colto mai stato poeta.

Anche noi la pensiamo così...

Ovazioni – dallo stesso pubblico che ha incensato L’Italiano di Cutugno e Italia di Reitano – per un cantautore molto consapevole di sé.

Udite udite: il Professore è sceso dalla Torre d’Avorio. “Chissà se mi capiranno”, ha esalato prima di esibirsi. Alludeva, va da sé, al vile volgo. Martedì è stato introdotto da un riff degli Stones: il sadismo degli opposti. L’iperlodata Chiamami ancora amore non è che cantautorato didascalico, riverberante l’adagio gaberiano secondo cui le canzoni se annoiano son di sinistra: luci a San Siro, sbadigli all’Ariston. Strofe pensose. Pose barbose. E niente musica. Non c’è mai, in Vecchioni: gli arrangiamenti non lo hanno mai intaccato. Il Professore è un discreto scriba microfonato. Crosby Stills & Nash, senza Crosby Stills & Nash (Young non se ne parla). Il lato B di un brano minore di Guccini (De André non se ne parla). Un Apicella colto: mai stato posteggiatore, ma neanche poeta.
 

Fonte: Andrea Scanzi per http://www.lastampa.it

nota: piccolo grande pezzo. Anche newsfromtshirts la pensa così e si allinea totalmente a questo blogger…

Annunci
  1. Pienamente in armonia, scusa il gioco di parole, con la tua riflessione.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: