Silvio contro Silvio: se chiede i danni allo Stato processa sé stesso.

Effettivamente un gran pasticcio....Silvio il "pasticciere"...

Silvio Berlusconi non ci sta. Ferito dalle ultime iniziative giudiziarie che arrivano dalla solita procura di Milano, covo delle toghe rosse, che in giornata hanno ufficializzato quel che già era atteso da giorni, ovvero la richiesta di giudizio immediato a carico del Premier, imputato per i due reati di concussione e di favoreggiamento della prostituzione minorile, nell’ambito dell’ormai dilagante Rubygate, il Cavaliere annuncia battaglia.

COMBATTIVO – In questi minuti esce dalla direzione del PdL un comunicato che vomita fiamme. La questione, dice il centrodestra, è ormai prossima ad una emergenza nazionale.

La procura di Milano e’ ormai come una sorta di avanguardia politica rivoluzionaria”. E’ quanto e’ scritto, nero su bianco, nel documento finale approvato dall’ufficio di presidenza del Pdl, presieduto da Silvio Berlusconi. Un documento di due pagine, in cui il Pdl sferra un duro attacco alla procura di Milano che ha chiesto il rito immediato per il presidente del Consiglio sul cosiddetto ‘Caso Ruby’.
Per il Pdl, dunque, i pm di Milano “in spregio al popolo sovrano e ai tanti magistrati che ogni giorno servono lo Stato senza clamori e spesso con grandi sacrifici” appaiono come “una sorta di avanguardia politica rivoluzionaria”. La procura di Milano “agisce come un vero e proprio partito politico – prosegue il documento – calibrando la tempistica delle sue iniziative in base al potenziale mediatico (e’ il caso della richiesta di giudizio immediato in concomitanza con l’annunciato Consiglio dei ministri sul rilancio dell’economia) o alla dirompenza istituzionale (e’ il caso dell’invito a comparire notificato all’indomani di una sentenza della Corte Costituzionale che avrebbe potuto contribuire al ripristino di un equilibrio tra poteri dello Stato)”

Così le agenzie ci riportano il contenuto del documento politico, in due pagine, che preannuncia l’escalation del centrodestra contro la magistratura. Il ddl sulle intercettazioni sarà consegnato da Silvio in persona, secondo le sue intenzioni, a Giorgio Napolitano, capo dello Stato; e già si riparla di processo breve.

VOGLIAMO I DANNI – Nel pomeriggio, all’uscita della richiesta di giudizio immediato, Berlusconi non si era risparmiato. “Mi domando chi pagherà per questo schifo e questa vergogna, alla fine pagherà lo Stato.

Ma la responsabilità dei giudici ci deve essere e noi la faremo”. Così commenta Berlusconi, che definisce i magistrati “eversori”. Poi attacca: “Sono dei processi farsa, accuse infondatissime. Queste pratiche violano la legge, vanno contro il Parlamento, la procura di Milano non ha competenza territoriale né funzionale. La concussione non c’è, è risibile, non esiste. Sono cose pretestuose, a me spiace che queste cose abbiano offeso la dignità del Paese e portato fango all’Italia. Su questa vicenda farò una causa allo Stato”. E sulla concussione di cui è accusato dice che non ha fatto nulla di male, perché il rischio “era quello di creare un incidente diplomatico”. Berlusconi starebbe valutando se convocare l’ufficio di presidenza del Pdl in giornata per rispondere politicamente agli attacchi dei pm di Milano.

Insomma, l’impostazione è chiara: tutta questa perdita di tempo giudiziaria contro Berlusconi imputato non rimarrà impunita. Silvio Berlusconi, soggetto giuridico privato, finirà per citare lo Stato per danni.

CHI STA IN GIUDIZIO ? – Ci sembra veramente strano, però, che abbia tutta questa fretta di finire in tribunale. E sarebbe un vero caso di schizofrenia giudiziaria, sarebbe il palesarsi dritto, sincero ed evidente del conflitto di interessi di cui si parla, appunto, dal 1994, data citata oggi nel documento politico approvato dal PdL. Perchè lo Stato, nel suo complesso, quando viene convocato in giudizio, viene rappresentato davanti al giudice dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Con la paradossale situazione che il Berlusconi imputato citerebbe per danni lo Stato, convenuto in giudizio nella persona del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi in quanto carica istituzionale. A meno che il Cavaliere di Arcore non sia dotato dell’ubiquità, dovrà rinunciare ad una delle due posizioni, o delegare qualcuno.

IL PRECEDENTE – Giova consegnare, a suffragio di questa regola giuridica – comunque rintracciabile su un qualsiasi manuale di diritto – un precedente. Nell’ambito del caso Eternit, l’azienda piemontese che ha praticamente avvelenato per anni un paesino con le esalazioni dell’amianto, ad un certo punto fu lo Stato ad essere convocato in giudizio per danni, appunto. E fu la presidenza del Consiglio a presentarsi.

“Il tribunale di Torino ordina la citazione della presidenza del consiglio dei ministri, nella persona del presidente pro-tempore, per l’udienza che si celebrerà il 10 dicembre 2009″: dice questo il decreto emesso con cui i giudici (Giuseppe Casalbore, Fabrizia Pironti, Alessandro Santangelo) citano la Presidenza del consiglio come responsabile civile al processo Eternit.

Situazione complessivamente diversa, ovviamente, ma medesima fattispecie: lo Stato che, citato per danni, si presenta nella persona del presidente (pro-tempore, perchè tutti lo sono) del Consiglio dei Ministri. Così, se Silvio avesse davvero intenzione di andare fino in fondo, citando lo Stato per danni, finirebbe per citare sè stesso. Davvero paradossale, per un uomo che, lottando da vent’anni per non finire in tribunale, si riducesse a convenire se stesso per risarcire i danni al Silvio imputato.

Fonte:  Tommaso Caldarelli per giornalettismo.com

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: