Cotone a peso d’oro: la maglietta diventa un lusso

La maglietta è d'oro...

Altro che gioielli, tra qualche mese agli uomini di tutto il mondo basterà regalare una semplicissima maglietta di cotone per fare felici le signore. Le quotazioni di questa materia prima macinano record da settimane. La libbra di cotone è arrivata a valere più dell’oro, registrando prezzi che non si vedevano dal lontano 1870, anno di creazione del New York Cotton Exchange. Il mondo è impazzito? No, il problema è che fa fatica ad approvvigionare di cotone la gigantesca azienda tessile cinese. I prezzi volano quindi alle stelle e questa situazione minaccia di riflettersi tra qualche mese sul mercato del pret-a-porter americano, europeo e, naturalmente, anche italiano.

Gli esperti di tutto il pianeta tengono d’occhio la situazione e questo non deve stupire, essendo il cotone coltivato in oltre 80 Paesi del mondo e rappresentando la fonte di reddito di 300 milioni di persone. Il cotone è una commodity estremamente importante nel commercio internazionale: solo il 30% viene prodotto e subito commercializzato, mentre la restante parte varca almeno una frontiera. I 4 produttori principali sono la Cina, gli Stati Uniti, l’India e il Pakistan, che insieme producono oltre il 60% di questo nuovo oro bianco. Dietro di loro ci sono la Turchia, l’Uzbekistan, il Brasile e il gruppo dei Paesi dell’Africa Francofona. Ad oggi la Cina è arrivata ad assorbire, da sola, oltre il 70% della produzione mondiale. Una delle principali ragioni della recente fiammata arriva proprio dall’Asia. «La debolezza dell’offerta a breve termine, la diminuzione rapida degli stock e un recupero della domanda forniscono un contesto fondamentale solido», rilevano gli analisti di Barclays Capital.

Il rapporto mensile del dipartimento dell’Agricoltura americano (Usda) analizza il rapporto tra disponibilità e domanda, confermando quanto si temeva: la produzione della Cina è stata rivista in netto ribasso a causa delle condizioni climatiche avverse e gli stock del Paese hanno subito la stessa sorte «in ragione della situazione di penuria delle ultime settimane». Risultato: sul mercato cinese la libbra di cotone si scambia a più di due dollari e questo «ha un effetto a cascata sui mercati americani». L’India e il Pakistan, secondo e terzo consumatore mondiale, hanno a loro volta avuto problemi sulle coltivazioni a causa delle disastrose inondazioni dei mesi scorsi, tanto che l’India ha deciso di limitare l’export e il Pakistan ha imposto dazi. Negli Stati Uniti, invece, una serie di grandinate nel Texas hanno ridotto la produzione e il livello molto elevato dell’export sta riducendo gli stock ai livelli più bassi dal 1925.

In questo contesto la Cina tira fuori le unghie «acquistando aggressivamente sui mercati internazionali a prezzi attorno agli 1,60 dollari per libbra» fa notare Darren Hudson, direttore del Cotton Economics Research Institute alla Texas Tech University. Finirà che il 2011 passerà alla storia come l’anno della seconda “Carestia del cotone”? Mentre gli organismi governativi e i massimi esperti producono analisi e previsioni, gli imprenditori del settore perdono il sonno. Fino a che punto può salire la quotazione dell’oro bianco? Il dibattito è aperto anche sul web, dove blog come quello curato da Marco Ricchetti (docente di Economia della moda al Politecnico di Milano e ai master internazionali dello Ied di Milano) su Sustainability-lab propongono approfondimenti.

Secondo l’International Cotton Advisory Commitee ci si deve aspettare «un calo dai picchi attuali, ma sarà abbastanza contenuto e nella media della stagione 2010-2011 i prezzi resteranno più elevati che nella stagione 2009-2010». Un forte elemento di contenimento sarà la concorrenza delle altre fibre, sintetiche in particolare. L’Usda conferma che le industrie tessili «stanno cominciando a sostituire il cotone con il poliestere di cotone». Gli uomini di tutto il mondo sono avvisati: se regaleranno t-shirt invece di gioielli, controllino però che siano di puro cotone. Altrimenti non vale.

Fonte: Gilda Ferrari per http://www.ilsecoloxix.it

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: